Le iene del Circeo

Ma non è un po’ strano che una iena all’improvviso, dopo migliaia e migliaia d’anni che s’è portata solo carcasse d’animali nella sua tana, un giorno finalmente si porti a casa un cranio umano, gli allarghi il foro occipitale per mangiarsi il cervello esattamente come fanno anche i cannibali (e fin qua non ci sarebbe ancora niente da ridire), ma poi ci costruisca un cerchio di pietre attorno, ci lasci cadere il cranio dentro ed in quel preciso e stesso istante scatti una frana che chiude la grotta e venga giù tutto il monte Circeo come neanche nell’Isola misteriosa di Giulio Verne? E chi era, Capitan Nemo quella iena?
Dice: «Vabbe’, ma c’era proprio bisogno di farci duecento pagine di libro, di andare a scomodare i vivi e i morti, di partire da Adamo ed Eva e dalla lunga notte del fascismo, per raccontarci poi in quattro e quattr’otto che anche il federale Finestra da ragazzo è andato in bicicletta a Grotta Guattari, s’è infilato lì dentro e ci ha visto il cranio ben prima che arrivasse Blanc?».
Sì che ce n’era bisogno. Se no non mi credevi.
a.p.

Comments are closed.